SUPERBONUS ANCHE PER LE TUBATURE

Il Superbonus 110 consente di poter sostituire gratuitamente anche le tubature. L’esempio più tipico deriva dalla possibilità di sostituire i vecchi impianti di riscaldamento o climatizzazione con nuovi modelli alimentati da un sistema a pompa di calore.

Leggi

SUPERBONUS: SI POSSONO SPOSTARE LE FINESTRE A CONDIZIONE CHE LE DIMENSIONI RESTINO INVARIATE O MINORI

Con la risposta all’Interpello 524 del 30 luglio 2021,è arrivato l’atteso e auspicato chiarimento sulla possibilità di spostare e/o variare le dimensione degli infissi usufruendo del Superbonus.

Leggi

SUPERBONUS: LA GUIDA DEL NOTARIATO E LE ASSOCIAZIONI DEI CONSUMATORI

Il Superbonus è sicuramente una opportunità, ma abbastanza complicata e complessa, che necessita di una analisi molto accurata, onde evitare di incappare in una serie di errori, che possono diventare costosi per i proprietari esponendo tra l’altro i professionisti ad una serie di responsabilità. Nel tentativo di districarsi tra conferme di bonus già esistenti e nuovi strumenti di sostegno, il Consiglio Nazionale del Notariato e le Associazioni dei consumatori hanno elaborato una nuova guida focalizzata sui bonus fiscali inerenti la “casa” per orientare i cittadini in una vera e propria “giungla” normativa.

Leggi

CONDOMINIO SUPERBONUS E ISOLAMENTO A CAPPOTTO PARZIALE

E’ possibile beneneficiare delle agevolazioni fiscali del Superbonus, per gli immobili destinati ad uso promiscuo, come ad esempio abitazione-ufficio-studio? L’Agenzia delle Entrate ha chiarito che in queste situazione è certamente possibile beneficiare del superbonus 110% per interventi su un immobile potenzialmente promiscuo (abitazione-ufficio), ma con importi ridotti al 50%.

Leggi

SUPERBONUS NEGLI IMMOBILI AD USO PROMISCUO ABITAZIONE-UFFICIO

E’ possibile beneneficiare delle agevolazioni fiscali del Superbonus, per gli immobili destinati ad uso promiscuo, come ad esempio abitazione-ufficio-studio? L’Agenzia delle Entrate ha chiarito che in queste situazione è certamente possibile beneficiare del superbonus 110% per interventi su un immobile potenzialmente promiscuo (abitazione-ufficio), ma con importi ridotti al 50%.

Leggi

ABUSI EDILIZI IN CONDOMINIO DOPO IL DECRETO SEMPLIFICAZIONI: RISCHI E RESPONSABILITA’

I bonus fiscali escludevano la possibilità di usufruire degli incentivi in presenza di abusi edilizi sia nelle parti comuni. che nei singoli appartamenti. L’articolo 13-ter del Decreto Agosto ha poi previsto che il rispetto delle norme edilizie debba essere verificato solo in relazione alle parti comuni del condominio. In seguito, il Decreto Semplificazioni (Decreto Legge n. 77 del 31 maggio 2021) ha fatto ulteriormente chiarezza, ammettendo al Superbonus 110% la manutenzione straordinaria mediante comunicazione di inizio lavori asseverata (CILA). Sono esclusi da questa previsione gli interventi di demolizione e ricostruzione.

Leggi

BONUS CONDIZIONATORI: I CRITERI PER L’AGEVOLAZIONE E I LIMITI DI SPESA

In caso di acquisto e installazionedi un nuovo condizionatore è possibile beneficiare non solo dell’ecobonus, ma anche del Superbonus 110%. Occorre però che siano soddisfatti alcuni requisiti che includono il tipo di lavori e i limiti di spesa.

Leggi

SISMABONUS 110% CAMBIA IL CALCOLO DEI LIMITI DI SPESA: L’AGENZIA DELLE ENTRATE SPIEGA COME

L’Agenzia delle Entrate in merito ai limiti di spesa relativi al Superbonus ha cambiato orientamento sui requisiti per ottenere la detrazione, con la risposta 397/2021 ha parzialmente rettificato quanto affermato lo scorso aprile con la risposta 231/2021.

Leggi

SUPERBONUS: AMMESSA LA VENTILAZIONE MECCANICA CONTROLLATA

Per la ventilazione meccanica controllata è possibile beneficiare dell’ecobonus 110, infatti secondo l’Enea con la faq n. 16/D del 14 maggio, l’intervento è ammesso in caso di realizzazione associata ad opere di coibentazione di superfici opache, o, in alternativa, in concomitanza con la sostituzione del generatore di calore. L’Enea ha evidenziato che – ai sensi del paragrafo 2.3, punto 2, dell’Allegato 1 al decreto interministeriale 26 giugno 2015 – nel caso di nuova costruzione, o di edifici sottoposti a ristrutturazioni importanti o a riqualificazioni energetica, “e in particolare qualora si realizzino interventi che riguardino le strutture opache delimitanti il volume climatizzato verso l’esterno, è necessario procedere alla verifica dell’assenza di rischio di formazione di muffe e di condensazioni interstiziali, in conformità alla UNI EN ISO 13788”.

Leggi

SUPERBONUS: BIFAMILIARE CON UN PIANO ANCORA IN COSTRUZIONE

Il Superbonus non è ammesso per gli interventi eseguiti sulle unità immobiliari identificate con la categoria F/3, visto che individuano le unità in corso di costruzione e non ancora “esistenti” e “definite”. Le unità immobiliari accatastate nella categoria F/3 non possono essere incluse nel numero delle unità che partecipano alla formazione dell’importo complessivo di spesa “in quanto, appunto ai fini fiscali, è come se esse ancora non esistessero”, secondo quanto stabilito dall’AdE.

Leggi

SUPERBONUS: NIENTE PIU’ VERIFICA DI DOPPIA CONFORMITA’

Il permesso di costruire è un’autorizzazione amministrativa rilasciata dal Comune che autorizza l’attività di trasformazione urbanistica ed edilizia del territorio, in conformità agli strumenti di pianificazione urbanistica.

Leggi

SUPERBONUS E SEMPLIFICAZIONI: LE NOVITA’ PER LE VILLETTE UNIFAMILIARI, LE ASSEVERAZIONI DEI TECNICI E IMPIANTI

Nel decreto semplificazioni in merito al Superbonus è stato sostituito inoltre il comma 13 ter che interessa le asseverazioni tecniche prevedendo che: «13-ter. Gli interventi di cui al presente articolo, con esclusione di quelli comportanti la demolizione e ricostruzione degli edifici, costituiscono manutenzione straordinaria e sono realizzabili mediante comunicazione di inizio lavori asseverata (CILA). Nella CILA sono attestati gli estremi del titolo abilitativo che ha previsto la costruzione dell’immobile oggetto d’intervento o del provvedimento che ne ha consentito la legittimazione ovvero è attestato che la costruzione è stata completata in data antecedente al 1° settembre 1967. La presentazione della CILA non richiede l’attestazione dello stato legittimo di cui all’ articolo 9-bis, comma 1- bis del decreto del Presidente della Repubblica 6 giugno 2001, n. 380.

Leggi