L’ARIA CHE RESPIRIAMO HA SUPERATO LE SOGLIE DI SICUREZZA: L’EDILIZIA E’ RESPONSABILE DEL 39% DELL’INQUINAMENTO

inquinamento

L’Organizazione Mondiale della Sanità ha reso pubblico l’ultimo rapporto rapporto sulla qualità dell’aria.
Secondo i dati riportati nel report, quasi l’intera popolazione mondiale (99%) respira aria che supera i limiti di qualità dell’aria suggeriti dall’OMS e minacciando la propria salute. Oltre 6.000 città in 117 paesi stanno ora monitorando la qualità dell’aria, ma le persone che vi vivono respirano ancora livelli malsani di particolato fine e biossido di azoto, con le persone nei paesi a basso e medio reddito che subiscono le esposizioni più elevate.

L’edilizia è responsabile del 39% dell’inquinamento globale; i RIFIUTI EDILI (C&D), spesso tossici e nocivi  rappresentano oltre 1/3 di tutti i rifiuti prodotti in Europa; Nei territori situati in prossimità dell’industria del cemento aumenta il rischio di tumore (studio scientifico) (http://www.altreconomia.it/site/fr_contenuto_detail.php?intId=4344); L’edilizia è responsabile del 36% del consumo globale di energia elettrica e di 1/3 del consumo globale di acqua potabile; favorisce i cambiamenti climatici  ed elimina 35 ettari al giorno di suolo.
I risultati hanno spinto l’Organizzazione Mondiale della Sanità a sottolineare l’importanza di limitare l’uso di combustibili fossili e di adottare altre misure tangibili per ridurre i livelli di inquinamento atmosferico.  
Il rapporto offre, per la prima volta, i dati delle misurazioni al suolo delle concentrazioni medie annuali di biossido di azoto (NO 2 ), un comune inquinante urbano e precursore del particolato e dell’ozono. Include anche misurazioni di particolato con diametri uguali o inferiori a 10 μm (PM 10 ) o 2,5 μm (PM 2,5 ). Entrambi i gruppi di inquinanti provengono principalmente dalle attività umane legate alla combustione di combustibili fossili.
Il particolato, in particolare il PM 2,5 , è in grado di penetrare in profondità nei polmoni ed entrare nel flusso sanguigno, causando impatti cardiovascolari, cerebrovascolari (ictus) e respiratori. Vi sono prove emergenti che il particolato abbia un impatto su altri organi e causi anche altre malattie.
L’NO 2 è associato a malattie respiratorie, in particolare asma, che portano a sintomi respiratori (come tosse, respiro sibilante o difficoltà respiratorie), ricoveri ospedalieri e visite al pronto soccorso
L’anno scorso l’OMS ha rivisto le sue linee guida sulla qualità dell’aria, rendendole più rigorose nel tentativo di aiutare i paesi a valutare meglio la salubrità della propria aria.

“Le attuali preoccupazioni energetiche sottolineano l’importanza di accelerare la transizione verso sistemi energetici più puliti e sani”, ha affermato Tedros Adhanom Ghebreyesus, direttore generale dell’OMS, aggiugendo che “I prezzi elevati dei combustibili fossili, la sicurezza energetica e l’urgenza di affrontare le due sfide per la salute dell’inquinamento atmosferico e del cambiamento climatico, sottolineano la pressante necessità di muoversi più velocemente verso un mondo che è molto meno dipendente dai combustibili fossili”.

Le indicazioni dell’Oms per i Governi per migliorare la qualità dell’aria e la salute
Diversi governi stanno adottando misure per migliorare la qualità dell’aria, ma l’OMS chiede una rapida intensificazione delle azioni per:
• Adottare o rivedere e implementare gli standard nazionali di qualità dell’aria secondo le ultime linee guida dell’OMS sulla qualità dell’aria
• Monitorare la qualità dell’aria e identificare le fonti di inquinamento atmosferico
• Sostenere la transizione verso l’uso esclusivo di energia pulita domestica per cucinare, riscaldare e illuminare
• Costruire sistemi di trasporto pubblico sicuri e convenienti e reti adatte ai pedoni e ai ciclisti
• Implementare standard di efficienza e emissioni dei veicoli più severi; e imporre l’ispezione e la manutenzione obbligatorie per il veicolo
– Investire in alloggi a basso consumo energetico e produzione di energia
– Migliorare la gestione dei rifiuti industriali e urbani
– Ridurre l’incenerimento dei rifiuti agricoli, gli incendi boschivi e alcune attività agroforestali (es. produzione di carbone)
– Includere l’inquinamento atmosferico nei programmi di studio per gli operatori sanitari e fornire strumenti per il coinvolgimento del settore sanitario.


I paesi a reddito più elevato registrano un minore inquinamento da particolato, ma la maggior parte delle città ha problemi con il biossido di azoto
Nei 117 paesi che monitorano la qualità dell’aria, l’aria nel 17% delle città dei paesi ad alto reddito scende al di sotto delle linee guida sulla qualità dell’aria dell’OMS per PM 2,5 o PM 10. Nei paesi a basso e medio reddito, la qualità dell’aria è inferiore all’1% delle città rispetta le soglie raccomandate dall’OMS.

A livello globale, i paesi a basso e medio reddito sperimentano ancora una maggiore esposizione a livelli malsani di PM rispetto alla media globale, ma i modelli di NO 2 sono diversi e mostrano una differenza minore tra i paesi ad alto e basso e medio reddito.

Circa 4.000 città/insediamenti umani in 74 paesi raccolgono dati di NO 2 a livello del suolo. Aggregate, le loro misurazioni mostrano che solo il 23% delle persone in questi luoghi respira concentrazioni medie annuali di NO 2 che soddisfano i livelli nella versione recentemente aggiornata delle Linee guida sulla qualità dell’aria dell’OMS .

“Dopo essere sopravvissuti a una pandemia, è inaccettabile avere ancora 7 milioni di decessi prevenibili e innumerevoli anni di buona salute perduti prevenibili a causa dell’inquinamento atmosferico. Questo è ciò che stiamo dicendo quando osserviamo la montagna di dati, prove e soluzioni disponibili sull’inquinamento atmosferico. Eppure troppi investimenti vengono ancora investiti in un ambiente inquinato piuttosto che in un’aria pulita e sana”, ha affermato Maria Neira, Direttore dell’OMS, Dipartimento per l’ambiente, i cambiamenti climatici e la salute.

È necessario migliorare il monitoraggio
Le persone che vivono nei paesi a basso e medio reddito sono le più esposte all’inquinamento atmosferico. Sono anche le meno coperte in termini di misurazione della qualità dell’aria, ma la situazione sta migliorando.

L’Europa e, in una certa misura, il Nord America, rimangono le regioni con i dati più completi sulla qualità dell’aria. In molti paesi a basso e medio reddito, sebbene le misurazioni del PM 2,5 non siano ancora disponibili, hanno visto grandi miglioramenti per le misurazioni tra l’ultimo aggiornamento del database nel 2018 e questo, con altri 1500 insediamenti umani in questi paesi che monitorano la qualità dell’aria.

Tecnici&Professione

GRATIS
VISUALIZZA