EDIFICIO MALATO: L’ALZHEIMER PRECOCE COLPA DELLA MUFFA IN CASA

muffa e salute

La terribile esperienza di una 37enne australiana: “Dovevo compilare un modulo e lo fissavo senza riuscire a scrivere il mio nome perché non lo ricordavo”.

“Il mio cervello e il mio corpo stavano bene, ma a due mesi dal trasferimento nella nuova casa ho iniziato a non ricordare più le cose fino a dimenticare anche il mio nome”, così una donna australiana ha raccontato l’inizio del suo calvario che l’ha portata a decine di visite mediche e infine a una diagnosi di Alzheimer a soli 37 anni.

Alla base di tutto ci sarebbe un’infestazione di muffa nella sua casa di Sydney di cui lei non era a conoscenza e che man mano avrebbe impattato sul suo corpo fino a conseguenze gravi. Secondo il suo racconto a news.com.au, la 37enne Amie Skilton ha iniziato ad accusare allergie gravi mai avute prima e sintomi come forte e perenne stanchezza, poi improvvisamente ha messo su 10 kg di peso e infine ha iniziato ad avere problemi di memoria.

Questo è uno dei tanti casi, che dimostrano come la muffa in casa o negli ambienti di lavoro o ricreativi, possono creare problemi alla salute delle persone.

Che si tratti di un inverno freddo e umido o di un’estate calda e umida, le attività a casa o al lavoro possono causare umidità all’interno e comparsa di muffe.

Le muffe sono una forma di fungo. Ci sono molti tipi diversi e possono verificarsi sia all’interno che all’esterno. Le muffe producono spore, che si diffondono fluttuando nell’aria. Le spore di muffa prosperano in ambienti umidi e caldi, quindi quando atterrano su un punto umido, iniziano a crescere. Nessuno sa quanti tipi di muffa ci siano, ma gli esperti stimano che ci possano essere 300,000 o più tipi diversi. Alcuni hanno più probabilità di altri di apparire in casa. Non tutte sono dannose alla salute, ma alcune possono addirittura essere letali.

I luoghi in cui appare spesso la muffa includono:

  • aree in cui si sono verificate perdite e inondazioni
  • finestre dove si accumula condensa
  • luoghi in cui l’aria non circola, ad esempio dietro un armadio

I motivi della muffa negli edifici sono legati ad una inadeguata ventilazione degli ambienti, una esasperata sigillatura dovuta anche alle politiche energetiche, materiali poco traspiranti, ecc.

Man mano che la muffa cresce, spore, cellule, frammenti e composti organici instabili possono entrare nell’aria. Possono produrre allergeni, irritanti e micotossine. Alcuni di questi possono essere tossici, specialmente per gli individui che hanno una sensibilità a loro.

Inoltre, l’umidità incoraggia i materiali a rompersi, aumentando il volume di particelle, o polvere, nell’aria.

Queste particelle possono irritare i polmoni, il naso e la gola, specialmente in una persona che ha già un problema respiratorio, asma o una condizione polmonare cronica. Ma la muffa può essere causa di infertilità, aborti e nascite premature, obesità, problemi alla memoria, all’apprendimento, ecc.

Occorre mantenere una temperatura all’interno degli edifici tra i 21 e i 24 gradi e l’umidità tra il 40 e 60%.

Le allergie alla muffa possono produrre anche sintomi simili ad altre allergie, come la febbre da fieno o l’allergia stagionale. Anche in questi casi, le sostanze presenti nell’aria possono influenzare il tratto respiratorio superiore.

I sintomi includono:

  • un naso bloccato o che cola
  • prurito al naso
  • prurito alla gola
  • Starnutendo
  • Lacrimazione

Le persone con un’allergia alla muffa e l’asma hanno una maggiore probabilità di avere un attacco d’asma quando c’è muffa nell’ambiente. Un volume maggiore di polvere può aumentare il rischio di acari della polvere, che possono anche scatenare una reazione allergica in alcune persone. La muffa può anche innescare la produzione di microbi e batteri. L’esposizione a questi batteri può innescare una risposta infiammatoria in alcune persone, secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS). L’OMS nota anche che la muffa e gli agenti microbici che produce possono aumentare il rischio di infezioni bronchiali e fungine.

Ci sono alcune prove che potrebbe portare a:

  • polmonite da ipersensibilità
  • bronchite
  • alveolite allergica
  • rinosinusite cronica
  • sinusite fungina allergica
  • problemi del tratto respiratorio inferiore in bambini precedentemente sani

Molte persone hanno sperimentato anche i seguenti sintomi dopo aver trascorso del tempo in un ambiente in cui è presente la muffa:

  • irritazione della pelle e degli occhi
  • Dispnea
  • Febbre
  • fatica
  • Nausea
  • Mal di testa
  • insonnia
  • irritazione delle mucose
  • sindrome da edificio malato (sick building syndrome SBS)

Occorre sempre affidarsi a un tecnico specializzato nella salubrità degli edifici, in Italia sono operativi gli esperti in edificio salubre, capaci di affrontare con tecniche appropriate le condizioni di umidità.

La notizia sulla condizione della person aè stata tratta da (fanpage.it)

Tecnici&Professione

GRATIS
VISUALIZZA