OBBLIGATORIA LA FATTURA ELETTRONICA ANCHE PER I FORFETTARI

Fatture elettroniche

Obbligo di fattura elettronica dal primo luglio 2022 per i contribuenti forfettari con fatturato superiore a 25mila euro, comprese ASD e terzo settore.

Nel decreto PNRR 2 viene introdotto dal 1° luglio 2022 l’obbligo di fatturazione elettronica B2B anche per i contribuenti in regime forfettario, con una sola eccezione, almeno in base alle anticipazioni sul testo del provvedimento non ancora pubblicato in Gazzetta Ufficiale: restano fuori dall’obbligo le Partite IVA in flat tax con fatturato fino a 25mila euro, che potranno continuare ad emettere fatture cartacee. I forfettari che superano tale soglia, dal 1° luglio 2022 hanno l’obbligo di fattura elettronica.

Dal 1° luglio 2022 viene abolita l’esenzione per i contribuenti che applicano il regime agevolato con flat tax al 15% (ridotta al 5% per i primi cinque anni di attività), ma il nuovo obbligo scatta soltanto se il fatturato annuo è tra 25mila e 65mila euro. L’estensione dell’obbligo riguarda anche le associazioni sportive dilettantistiche (ASD) e gli enti del terzo settore con proventi da attività commerciali fino a 65mila euro.

Restano esentati: i soggetti che erogano prestazioni sanitarie (medici, specialisti, ospedali, farmacie) attraverso il Sistema Tessera Sanitaria (STS); alcuni operatori dell’agricoltura che applicano un regime fiscale speciale.

Per il resto, il regime forfettario rimane invariato, applicandosi alle Partite IVA che incassano fino a 65mila euro (con flat tax al 15%). Su questo punto interverrà, eventualmente, la riforma fiscale, mentre la novità inserita nel decreto PNRR 2 riguarda esclusivamente l’obbligo di fatturazione elettronica.

Come emettere fattura elettronica

La fattura elettronica per le cessioni di beni e le prestazioni di servizi tra soggetti residenti, stabiliti o identificati nel territorio dello Stato, è costituito un file generato direttamente in formato XML e inviato ai clienti transitando sul Sistema di Interscambio (SdI), che ne effettua tutti i controlli formali del caso. Per la generazione e la trasmissione della e-fattura si possono utilizzare:

  • il software gratuito del Fisco
  • la mobile app gratuita del Fisco
  • altri prodotti di mercato che rispettino le specifiche tecniche.

Sanzioni e periodo transitorio

Previsto un periodo transitorio senza sanzioni pur a fronte dell’obbligo dal primo luglio: si applica per il terzo trimestre del periodo d’imposta 2022, quindi fino a fine settembre (se l’anno fiscale coincide con l’anno solare); in questo periodo, non saranno comminate sanzioni agli inadempienti se la fattura verrà comunque emessa, in formato elettronico, entro il mese successivo a quello di effettuazione dell’operazione.

Tecnici&Professione

GRATIS
VISUALIZZA