IL PNRR E IL CATASTO: OPPORTUNITA’ PER I GEOMETRI ITALIANI

ll PNRR rappresenta una concreta opportunità di investimenti e riforme per superare i tanti ostacoli che hanno bloccato la crescita italiana negli ultimi decenni e dalla crisi causata dalla pandemia da Covid-19 nel 2021.

Savoncelli Maurizio Presidente del Cngegl

il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza ruota intorno ai seguenti 3 obiettivi strategici:

  • transizione digitale e innovazione
  • transizione ecologica
  • inclusione sociale e riequilibrio territoriale

Per il settore dell’edilizia le opportunità si declinano attraverso le diverse Missioni e Componenti che il programma di investimento per il rilancio del Paese comprende.  Con una dotazione complessiva di 235,12 miliardi di euro, le imprese edili possono beneficiare di molte opportunità giocando un ruolo strategico nell’attuazione dei programmi di investimento del PNRR, che spaziano dalla rigenerazione urbana alla riqualificazione energetica e antisismica degli edifici (Superbonus), dalla valorizzazione dei borghi al potenziamento delle infrastrutture scolastiche

Dà un impulso decisivo alla trasformazione digitale dell’Italia e alla sua transizione ecologica. Contribuisce a colmare i divari territoriali e a rafforzare la coesione sociale. Scommette in maniera convinta su donne e giovani, da cui dipende il rilancio del Paese”, è una ricchezza per tutti.

Il Presidente del Consiglio Nazionale dei Geometri e Geometri Laureati Maurizio Savoncelli, ha confermato che “il PNRR rappresenta un’occasione in questo periodo terribile di pandemia per la Categoria, che nonostante l’emergenza sanitaria ha proseguito l’attività con incontri on line molto partecipati. E’ un momento in cui dobbiamo serrare le fila e prepararci per la ripartenza che vedrà protagonisti tecnici qualificati come siamo noi. Il Pnrr prevede progettualità e capacità ed i geometri sono in prima fila per avere un ruolo importante. Il 110% Super Bonus ha creato opportunità di lavoro ed ha dato alle aziende la possibilità di assumere. Noi stiamo chiedendo al Governo di rendere strutturale questa misura che, come minimo, dovrà durare 10-15 anni per dare risultati. Le opportunità si allargano anche nella riforma del catasto che andrà in aula il 28 Marzo 2022. Si tratta di una sfida sulla quale ci vogliamo confrontare in sinergia con tutti gli organi dello Stato. Siamo convinti, infatti, che la competenza dei geometri potrà rappresentare un valore aggiunto per questa riforma.”

Il PNRR non è soltanto un programma di investimento tradizionale ma è pensato come un vero e proprio progetto trasformativo, nel quale gli stanziamenti di risorse sono accompagnati da un corposo pacchetto di riforme necessarie per superare le storiche barriere che hanno frenato lo sviluppo degli investimenti pubblici e privati negli scorsi decenni e le debolezze strutturali che hanno per lungo tempo rallentato la crescita e determinato livelli occupazionali insoddisfacenti, soprattutto per i giovani e le donne.

Per sostenere e accelerare la riconversione energetica dell’edilizia – in ottica green e sostenibile – il PNRR ha destinato 13,95 miliardi di euro per una serie di bonus e incentivi fiscali (Superbonus, Ecobonus, Sismabonus) finalizzati ad agevolare gli interventi di efficientamento energetico e messa in sicurezza degli edifici per trasformarli ad energia quasi zero (nZEB).

Questi bonus per l’edilizia favoriscono da un lato gli investimenti locali, contribuendo al rilancio in chiave green del settore delle costruzioni e alla creazione di nuovi posti di lavoro, dall’altro promuovono una maggiore resilienza degli edifici sia in termini sociali (inclusione) che ambientali (a basso impatto ambientale e ricorso a fonti rinnovabili).  

Le detrazioni fiscali hanno come beneficiari i soggetti che effettuano interventi di efficientamento energetico e messa in sicurezza degli edifici, nonché persone fisiche che possiedono o detengono l’immobile, condomini, IACP, cooperative di abitazione a proprietà indivisa, Onlus e associazioni e società sportive dilettantistiche registrate.

Per le imprese del settore turistico-ricettivo è previsto un Superbonus del 80% per la riqualificazione delle strutture alberghiere e ricettive. 

Il Piano – con un budget da 4,6 miliardi di euro – è finalizzato anche alla costruzione, riqualificazione e messa in sicurezza e a norma degli asili e delle scuole dell’infanzia. Anche se il bando si rivolge ai Comuni, la realizzazione degli interventi spetterà alle imprese delle costruzioni generando un importante ritorno in termini di lavoro e occupazione

Sono previsti Nuovi alloggi pubblici per un miglioramento della qualità delle abitazioni, riducendo le difficoltà abitative, riqualificando le aree degradate e puntando alla sostenibilità e all’innovazione verde.

Principali aree di intervento:

  • Housing sociale: favorire accessibilità, sicurezza e migliorare la qualità dell’abitare 
  • Edilizia residenziale pubblica sul territorio nazionale

… e questi sono solo alcuni degli interventi previsti dal PNRR che interessano i tecnici e le imprese delle costruzioni. 

SCARICA IL PNRR

Tecnici&Professione

GRATIS
VISUALIZZA