NUOVI PROFILI PROFESSIONALI PER RILANCIARE L’EDILIZIA CHE SI TINGE SEMPRE PIU’ DI ROSA

Profili Professionali ROSA

Più donne occupate non è solo un obiettivo di sviluppo e uguaglianza, ma di crescita economica, poiché i talenti, il capitale umano e la produttività delle donne hanno il potenziale di trasformarsi in valore economico. In tempi di bassa crescita e abbondante talento femminile la riduzione dei differenziali di genere dovrebbe essere una priorità del Paese.

Per funzionare, la parità di genere deve invadere come un’onda il sistema economico, plasmare le politiche pubbliche, orientare la spesa pubblica, stimolare la società, inserirsi come protagonista nel dibattito, nella cultura, nella vita di ognuno. Con la contrazione della disparità di genere nel lavoro, l’economia mondiale crescerebbe del 35% e questo ricadrebbe a cascata in ogni settore, anche in quello edilizio, che tornerebbe ad avere una forte impennata verso segni positivi, dove le donne rappresentano una vera e propria miniera di capitale umano e professionale, che potrebbe far esplodere nuovamente il settore a vantaggio dell’intero sistema economico e del modello sociale italiano. Maggiore occupazione nelle professioni tecniche e delle costruzioni, produce anche il benessere previdenziale.

Occorre pianificare strategie per arruolare le donne nel settore della tecnica e della tecnologia, rendendo attraenti le professioni da sempre ad appannaggio maschile, che possono superare la crisi nella quale sono collocate passando per l’interpretazione di nuovi ruoli nei settori emergenti dell’umanesimo delle costruzioni, dove anche le donne vedono la propria realizzazione. Se nell’ultimo secolo abbiamo considerato come prioritaria la dimensione economica, in una continua ricerca dello sviluppo economico, oggi abbiamo finalmente la consapevolezza che non può esserci ricchezza senza ben-essere, salute, sostenibilità e l’occupazione delle donne che partecipano attivamente allo sviluppo di nuovi settori green.

La riqualificazione urbana, città ed edifici sicuri,  sistemi innovativi, tecnologie all’avanguardia, materiali sani, ambienti sostenibili, che consentono di vivere bene, rispettare le risorse, alzare la qualità della vita e abbassare i costi di gestione del parco immobiliare sono la svolta per tutti. Ecco perché tra i 17 Obiettivi per lo Sviluppo Sostenibile dell’Agenda ONU 2030, i temi relativi all’ambiente, la salute, la formazione equa, l’uguaglianza di genere, la riduzione delle disuguaglianze, la promozione di modelli sostenibili, città sicure, inclusive, sostenibili, sono strettamente collegati e camminano di pari passo. Aprire alle donne conviene, portano innovazione  e venti di cambiamento

Non c’è ripresa economica senza abbattere le differenze culturali. L’innovazione va guardata e realizzata “insieme”, uomini e donne, immaginando il futuro dentro un equilibrio e in questo i giovani sapranno stupirci. Loro e solo loro, l’adesso dello sviluppo e della sostenibilita’ ci aiuteranno ad allargare i nostri orizzonti e indicarci la strada per colorare il mondo anche con un rosa intenso, che fa bene all’organizzazione, al pianeta, al benessere di tutti sia in campo economico che di opportunità.

Le donne non si fermano e costruiscono ponti di comunicazione e indicano la strada per operare e risalire la china. Nel silenzio hanno  realizzato modelli alternativi di edilizia e nuovi percorsi formativi, collaborato a modelli di previdenza al passo con i tempi, individuato anse operative, tracciato profili professionali trainanti, che sono diventati serbatoi preziosi per l’intero sistema Paese.

Tiziana Monterisi è un’architetto, da anni è attiva e sensibile nella promozione e diffusione dell’architettura naturale, e della reale possibilità di nuovi modelli abitativi. Stanca della tradizionale architettura energivora ha visto nel riso e nei sottoprodotti che ogni anno offre, una opportunità per una architettura sana ecologicamente corretta ed altamente performante.

Daniela Dal Col è Presidente dell’Associazione Nazionale Noleggi Autogru e Trasporti Eccezionali, meglio conosciuta con l’acronimo ANNA,  “operatrice di gru mobili”, si è fatta carico di tutte le problematiche in essere e sta portando avanti, su tavoli di rilevanza nazionale, i problemi del settore del sollevamento che, dopo il crollo del Ponte Morandi, si sono incupiti sempre piú.

Paola Allegri è  Presidente dell’Associazione Nazionale “Donne Geometra” –  Esperti in Edificio Salubre. Ha contribuito in prima persona in Italia a sviluppare il progetto dell’ “Esperto in Edificio Salubre” in seno al Consiglio Nazionale dei Geometri e Geometri Laureati, con la nascita di un nuovo profilo professionale diventato un modello operative un pò ovunque, anche oltreoceano al quale anche il Sole24Ore in un recente inserto speciale ha dedicato un ampio spazio ricomprendendolo tra i Professionisti Green più richiesti nel prossimo futuro, visto il tanto lavoro legato alla riqualificazione del parco immobiliare che tenga conto delle malattie che si possono sviluppare in ambienti con muffe, umidità, materiali edili tossici, inadeguata ventilazione, acustica, illuminazione, radon, ecc.

Tiziana Bulgarelli geometra è stata tra i primi cinquanta professionisti in tutta Italia, a conseguire la qualifica di “Esperto Edificio Salubre”, acquisendo le competenze per vincere la sfida della salute e del benessere fra le mura di un ambiente costruito – cioè il luogo in cui la maggior parte delle persone trascorrono il 90% del proprio tempo quotidiano – e poter intervenire con una progettazione puntuale, che tenga conto di tecniche costruttive innovative e materiali sani. La sicurezza salubre è stato uno stimolo notevole, ampliando la consapevolezza della sicurezza, che aveva concepito in forma molto più restrittiva. Da sempre opera nell’ambito della sicurezza nei cantieri, un mondo compatibile secondo l’opinione pubblica esclusivamente al genere maschile, nel quale con accorgimenti innovativi ha trovato la realizzazione professionale.

Luisa Roccia è Presidente del Collegio dei Geometri e Geometri Laureati di Torino, la seconda realtà territoriale dei geometri per il numero degli iscritti in Italia. Propone seminari, convegni, corsi su tematiche “green” , coinvolgendo anche le professioniste iscritte che hanno  figli, tutte particolarmente attente e sensibili all’applicazione di un tipo di sviluppo sostenibile, che porti a crescere il Paese e a non impattare sulla natura. Sta pianificando programmi per mettere a disposizione delle iscritte dei baby parking che permettano alle donne geometra la frequentazione ai corsi obbligatori.

Tiziana Iberti è una libero professionista, una delle poche donne geometra in Italia a essere stata designata delegato della Cassa Geometri, che solo negli ultimi quindici anni ha visto rappresentanze di genere nel Comitato dei Delegati; è anche membro della Commissione Legislativa, dove l’apporto “rosa” è considerato positivamente da tutti. “Le donne afferma – Tiziana Iberti – non vogliono il “potere”, le donne vogliono vivere in una società dove possa esistere una naturale e spontanea paritetica attribuzione dei ruoli tra i sessi e solo questa può essere la strada perché il mondo possa migliorare”. Sulla scelta di perseguire una professione ad indirizzo tecnico, ha pesato anche il fascino un po’ retrò dei concetti che sottintendono l’etica della libera professione così come tramandato dai colleghi che l’hanno preceduta.

Bettina Bolten è esperta  della progettazione biofilica, che permette di realizzare ambienti artificiali il più possibile simili a quelli naturali, di modo che abbiano un effetto positivo sulla salute psico-fisica delle persone. Il Biophilic Design scientifico, insieme alla ricerca di comfort e salubrità degli ambienti, contribuisce a fare stare bene le persone negli spazi artificiali privati e dedicati a svariate attività specifiche.

Giuliana Proietti, psicoterapeuta/sessuologa, e’ convinta che per creare il capitale professionale negli Ordini e Albi ad indirizzo tecnico, scientifico, ingegneristico, il ruolo cardine è svolto dalla cultura e l’impegno sui temi delle pari opportunità da sviluppare nelle scuole, università, luoghi di lavoro. In queste scelte conta moltissimo anche la famiglia: se la ragazza si sente sostenuta dalla famiglia in primis e poi dagli insegnanti, si sente maggiormente forte per superare i dubbi su se stessa che inevitabilmente ha, a causa dei modelli prevalentemente maschili che popolano questi settori.

Jessica Roncarà è una studentessa eclettica e coraggiosa, che ha frequentato l’Istituto Tecnico per Geometri, indirizzata dal padre e nonostante la sua giovane età ha già combattuto diverse sfide. E’ convinta che l’applicazione dei linguaggi e metodologie di carattere generale e specifico non favoriscono l’apprendimento degli ampi indirizzi, correlati a settori fondamentali per lo sviluppo economico e produttivo del Paese. Gli studenti acquisiscono molta poca padronanza in relazione all’esercizio di professioni tecniche, saperi e competenze necessari per un rapido inserimento nel mondo del lavoro e per l’accesso all’università e all’istruzione e formazione tecnica superiore. Si deve recuperare molto nella tecnologia digitale, che vede ancora indietro le donne e dove l’offerta è alta. La possibilità di “lavorare ovunque ed in qualsiasi momento”, farà saltare completamente i confini tra vita privata e vita lavorativa e bisogna essere organizzati per far fronte al cambiamento.

Simona Zanella è una geometra sempre a caccia di progetti nuovi, attenta nel considerare ciascuna scelta in linea con il suo stile di vita, volto al benessere della persona e dell’ambiente in cui vive. La passione per gli interni e per i dettagli, l’ha avvicinata all’home staging e a materie affini. Perfezionata la propria formazione con corsi di Decluttering House, Home Relooking, Fotografia D’interni e Marketing, ha avuto inizio un’avventura ed una sfida: Simona LabHOME. Il percorso nell’Home Staging le ha permesso di vedere da una prospettiva diversa la casa, non solo in termini di costruzione, ma di preparazione alla vendita. L’home staging è, letteralmente, la “messa in scena” di un immobile, una figura professionale nata negli USA negli anni Settanta e si configura come un insieme di sinergie date dalla combinazione di marketing, interior design e comunicazione immobiliare.Una formazione tecnica, che affini la sensibilità agli spazi, alle misure, alle proporzioni, con conoscenze dei titoli autorizzativi necessari per affrontare le opera edili necessarie, permette di crearsi spazi lavorativi che possono dare notevoli soddisfazioni.

Tutte le informazioni sui profili professionali innovativi, le intuizioni, i pensieri e gli stimoli sono raccolti in un opuscolo a tema, da scaricare e conservare, dal quale attingere consigli preziosi e partecipare alla riconversione dei saperi, con la consapevolezza che le donne hanno un ruolo importante nello sviluppo del Paese e costituiscono una ricchezza e una opportunità  per tutti.

SCARICA L’OPUSCOLO DonneRouge_2020

627 visualizzazioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *