Ott 07
in Uncategorized 0 commenti

SCIA 2 IN EDILIZIA: COSA PREVEDE

È all'esame della Camera dei Deputati e del Senato lo schema di decreto legislativo “SCIA 2” di attuazione della delega contenuta nell’articolo 5, comma 1, della legge 124/2015 (riforma della pubblica amministrazione).

Si ricorda che il primo provvedimento di attuazione (c.d. “SCIA 1”) è rappresentato dal D.lgs. n. 126 del 2016  pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n.162 del 13 luglio 2016, entrato in vigore il 28 luglio scorso, con alcune disposizioni generali applicabili ai procedimenti relativi alle attività non assoggettate ad autorizzazione.

Lo schema di decreto “SCIA 2”, proseguendo l’attuazione della delega, provvede ora alla precisa individuazione delle attività dei privati assoggettate ai quattro regimi amministrativi definiti nella norma di delega, ossia:
 
SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ (SCIA)
SILENZIO ASSENSO
COMUNICAZIONE PREVENTIVA
TITOLO ESPRESSO

Con una tecnica innovativa, l’individuazione è effettuata mediante una tabella nella quale sono indicate le varie tipologie di attività economiche e, per ciascuna di esse, il regime amministrativo applicabile.

Il provvedimento consta di 6 articoli e di una tabella allegata.
L’articolo 1 individua l’oggetto dello schema di decreto, detta alcune disposizioni di carattere generale in materia edilizia (glossario unico) e di tutela e valorizzazione del patrimonio culturale.
 
L’articolo 2 reca disposizioni generali necessarie per l’applicazione della tabella A, nella quale sono elencate le attività private soggette ai diversi regimi amministrativi.

L’articolo 3 interviene sulla normativa in materia edilizia attraverso numerose modifiche volte, tra l’altro, a una semplificazione dei titoli abilitativi, mediante l’eliminazione della comunicazione di inizio lavori (CIL), e l’ampliamento delle ipotesi di attività edilizia libera, a un’esplicitazione degli interventi assoggettati a segnalazione certificata di inizio attività (SCIA), nonché alla sostituzione del certificato di agibilità con la segnalazione certificata di agibilità da presentarsi entro 15 giorni dalla fine dei lavori. La procedura della segnalazione certificate di agibilità non cambierà molto rispetto al passato, ma viene spostata sul professionista, ovvero sul tecnico asseverante (direttore dei lavori o professionista abilitato) la responsabilità della sussistenza dei requisiti di legge, ovvero delle condizioni di sicurezza, igiene, salubrità, risparmio energetico degli edifici e degli impianti e la conformità dell’opera al progetto presentato.

L’articolo 4 introduce una nuova disciplina in materia di procedure di bonifica da effettuarsi nei siti contaminati da parte del soggetto estraneo alla potenziale contaminazione.

L’articolo 5 contiene semplificazioni in materia di commercio, intervenendo, in particolare, in tema di cessazione di attività degli esercizi di vicinato e delle medie e grandi strutture di vendita, di apertura o trasferimento di sede degli esercizi di somministrazione di alimenti e bevande, nonché sul commercio di cose antiche o usate.

L’articolo 6 introduce alcune semplificazioni in materia di pubblica sicurezza, sostituendo la licenza con una comunicazione al Comune, per la costruzione di impianti provvisori elettrici per straordinarie illuminazioni pubbliche, e disponendo - in via generale - che per le attività previste in tabella soggette ad autorizzazione di pubblica sicurezza, la SCIA svolge anche la funzione dell'autorizzazione.

LA TABELLA A. La tabella A, nella quale sono elencate le attività private soggette ai diversi regimi amministrativi, è organizzata per attività, a loro volta distinte in tre sezioni: attività commerciali e assimilabili (sezione I); edilizia (sezione II); ambiente (sezione III). Per ogni attività sono indicati il regime amministrativo (ad esempio, autorizzazione, SCIA, ecc…), la concentrazione dei regimi amministrativi (descritta solo nel caso in cui si applichi), nonché sono richiamati i riferimenti normativi che regolano a normativa vigente, o in conseguenza delle modifiche introdotte dallo schema, le predette attività.

 


About the Author: