IL NUOVO MODELLO PER LA REGISTRAZIONE ATTI DI LOCAZIONE

L’Agenzia delle Entrate ha pubblicato il provvedimento n. 112605 del 15 giugno 2017, con il quale segnala l’approvazione del nuovo modello RLI (Registrazione Locazioni Immobili).

Il modello deve essere adoperato per la richiesta di registrazione e adempimenti successivi relativa a contratti di locazione e affitto di immobili.

Il modello può essere utilizzato per i seguenti scopi:

-registrare contratti di locazione e affitto di immobili

-comunicare eventuali proroghe, cessioni, risoluzioni o subentri

-esercitare l’opzione e la revoca della cedolare secca

-comunicare i dati catastali dell’immobile oggetto di locazione o affitto

Il nuovo modello sostituisce il precedente modello RLI del 10 gennaio 2014, a decorrere dal 19 settembre 2017, data dalla quale dovrà essere utilizzato esclusivamente il nuovo modello.

Come si compila il modello

È necessario compilare i campi in alto, per ciascuna pagina, riportando:

-il codice fiscale del contribuente che richiede la registrazione (o di chi comunica l’adempimento successivo)

-il numero di modulo che si sta compilando (ove necessario)

Se a richiedere la registrazione è un soggetto diverso dalla persona fisica andrà riportato il codice fiscale della società o dell’ente.

Descrizione e contenuto del modello

Il modello è composto dai seguenti campi:

-QUADRO A “Dati generali”:

SEZIONE I: registrazione del contratto:

-la tipologia del contratto, la data di stipula, la durata della locazione

SEZIONE II: Adempimento successivo:

-proroga, cessione, subentro e risoluzione

SEZIONE III – Dati Richiedente

SEZIONE riservata alla presentazione in via telematica

QUADRO B “Soggetti”:

SEZIONE I – Dati del locatore

SEZIONE II – Dati del conduttore

QUADRO C “Dati degli immobili”:

-immobili principali

-relative pertinenze

QUADRO D “Locazione ad uso abitativo e opzione/revoca cedolare secca”, contenente le informazioni relative al regime della cedolare secc

QUADRO E “Locazione con canoni differenti per una o più annualità”, in cui possono essere indicati i diversi canoni di locazione pattuiti nel contratto per le successive annualità

Modalità di presentazione

Il modello può essere presentato o per via diretta o in modalità telematica.

Il modello può essere presentato in via telematica in forma semplificata senza l’allegazione della copia del testo contrattuale in presenza delle seguenti caratteristiche:

-un numero di locatori e di conduttori, rispettivamente, non superiore a tre

-una sola unità abitativa ed un numero di pertinenze non superiore a tre

-tutti gli immobili devono essere censiti con attribuzione di rendita

-il contratto contiene esclusivamente la disciplina del rapporto di locazione e, pertanto, non comprende ulteriori pattuizioni

-il contratto è stipulato tra persone fisiche che non agiscono nell’esercizio di un’impresa, arte o professione

 

Per scaricare il contratto editabile dell’Agenzia delle Entrate clicca qui

Come costruire e ristrutturare oggi: i nuovi tecnici e le nuove competenze - Rimini 20 ottobre 2017 – Obbligatoria l’iscrizione-

Una grande novità per i tecnici delle costruzioni è quello di comprendere come operare nell’edilizia che cambia. Nuove specializzazioni e conoscenze per lavorare nel recupero del patrimonio edilizio esistente oramai datato ed obsoleto. 

I rapporti immobiliari hanno esplicitato che l’80% del costruito in Italia va riqualificato sotto il profilo sismico e salubre. Abitazioni con impiantistiche datate, intonaci degradati per muffe ed umidità, materiali edili nocivi, la radioattività del suolo, la qualità dell’aria interna, ecc, obbligano ad immediati interventi. E gli italiani sono molto interessati – grazie agli incentivi fiscali - vogliono rimodellare la propria casa perché diventi sicura.

Le malattie legate alle costruzioni sono una certezza secondo gli studi  scientifici e la mortalità in aumento. Cosa fare? Bisogna conoscere le tecniche per intervenire e partecipare così al rilancio dell’edilizia. Ma cè di più.

Negli ultimi anni sono aumentati i casi nei Tribunali di richiesta di risarcimento del danno per ambienti insalubri che hanno causato danni alla salute degli occupanti, con sentenze che hanno riconosciuto la responsabilità di Imprese, direttori lavori, progettisti, proprietari  in caso di immobili insalubri e non idonei ai fini abitativi. Necessitano Consulenti Tecnici d’Ufficio competenti.

Un grande lavoro attende i professionisti, perché l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha dichiarato che negli ultimi 50 anni abbiamo costruito con materiali che pregiudicano la salute e vanno rimossi. L’amianto è solo un esempio.

Per poter operare occorre inserire nel proprio bagaglio professionale nuove conoscenze.

Il Collegio dei Geometri e Geometri Laureati di Rimini, ha così organizzato un Corso di formazione professionale “Abitare e Costruire Oggi”, che si terrà il 20 ottobre 2017, al fine di preparare i tecnici a realizzare quelle condizioni di benessere e di salubrità ottimali per far sì che la maggior parte delle persone possano vivere bene all’interno degli ambienti chiusi, secondo gli standard qualitativi ambientali con l’ausilio delle migliori procedure e tecnologie edilizie e impiantistiche.

L’obiettivo del corso è di formare il professionista, consentendo  di affrontare e risolvere i problemi derivanti dalla Sindrome dell’Edificio Malato sia in fase di progettazione – che di ristrutturazione ed avviarlo alla nuova competenza professionale dell’Esperto in Edificio Salubre.

La conoscenza di questi nuove materie apre sbocchi operativi considerevoli nel campo dell’edilizia e della consulenza tecnica privata e giudiziale.

I geometri, gli ingegneri ed architetti sono chiamati a svolgere un ruolo nuovo e importante di “medici della prevenzione”, di grande utilità per l’economia, la salute e, in definitiva, per la civiltà.

Il percorso formativo sarà tenuto dal prof. dott. Nicola Fiotti, ricercatore di fama internazionale della Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università di Trieste, con un trascorso alla University of Nebraska Medical Center, a Omaha (USA).

Agli intervenuti sarà rilasciato un attestato di partecipazione, con il patrocinio della facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università di Trieste, con 5 crediti formativi.

L’importo per la partecipazione è di Euro 35,00 da versare tramite Bonifico bancario sul C/C n. 000401061451 dell’Unicredit – Agenzia 30037, Piazza Barberini n. 40 – Roma - intestato all’Associazione Nazionale “Donne Geometra” – Codice IBAN : IT 07 N 02008 05075 000401061451 - IMPORTANTE: Indicare nel bonifico il NOME e COGNOME, e la causale : Corso QUOTA ASSOCIATIVA ANNO 2017 e contributo extra.

Al fine di poter raccogliere le preadesioni e predisporre gli attestati, invitiamo i partecipanti a contattare la Segreteria del Collegio entro il 14 ottobre 2017 al numero 0541-28907 

Email: info@geometri.rimini.it

 


About the Author: