LEGITTIMO REALIZZARE SULLA TERRAZZA UNA STRUTTURA IN LEGNO AD USO PERGOLATO

 

Legittimo realizzare sulla terrazza una struttura in legno “ad uso pergolato” anche se questa ha dimensioni non irrilevanti, ovvero di circa 150 mc su una superficie di circa 50 mq e con altezza variabile fra i mt. 2,40 e mt. 2,30, coperta in parte con pannelli di policarbornato trasparente ed in parte con telo in pvc e lateralmente completata da grigliati in legno e tende.

E ciò, in relazione al fatto che il pergolato è realizzato su un lato, in aderenza all’immobile di pertinenza; è aperta sui lati, pur con la presenza di grigliati in legno e numerosi vasi con piante; è coperto solo in una piccola parte, in prossimità dell’abitazione, con pannelli di policarbornato trasparente mentre ha, per il resto, una copertura con tendaggi amovibili.

In sostanza, ha affermato il Consiglio di Stato con la sentenza in esame, se nonostante le dimensioni non irrilevanti, la struttura è aperta su più lati e con una copertura in gran parte assicurata da tende amovibili, non costituisce un volume urbanistico e non può essere, pertanto, considerata alla stregua di una veranda, come avevano invece sostenuto gli appellanti. Né, è stato aggiunto, tale struttura, può essere considerata alla stregua di un loggiato che, come gli stessi appellanti hanno ricordato, il Regolamento edilizio del Comune di Viareggio definisce (art. 12, punto 40) come la “struttura muraria” composta da pareti, pilastri o murature e da una copertura piana o inclinata, libera almeno su un lato. Nessun contrasto, pertanto, con la regolamentazione edilizia comunale se la struttura è realizzata al fine di arredare e migliorare la fruibilità del terrazzo.

 


About the Author: