Dic 24

DISTANZE TRA LE COSTRUZIONI NEI RAPPORTI DI VICINATO – 2015

Le regole di buon vicinato comprendono le norme sulle acque, sullo stillicidio, sulle luci e vedute e, per quanto di nostro interesse in questa sede, le norme sulle distanze tra costruzioni e muri.

I limiti legali sulle distanze delle costruzioni e dei muri sono regolati dagli articoli da 873 a 888 del Cod. Civ. Le norme che prevedono questi limiti hanno carattere preventivo in quanto si applicano indipendentemente dall’esistenza di un danno: esse sono dettate a tutela di reciproci diritti soggettivi dei singoli proprietari e oltretutto mirano ad evitare la creazione di intercapedini antigieniche e pericolose.

I diritti dettati dalle norme predette sono imprescrittibili: naturalmente l’obbligo della loro osservanza potrebbe cadere di fronte alla costituzione di una servitù oppure in forza di usucapione, come nel caso in cui sia stata aperta una veduta senza rispettare le distanze di legge da oltre venti anni.

LA DISPENSA E' RISERVATA AI SOCI INDIVIDUALI E SCARICABILE NELL'AREA RISERVATA

Per scaricarla occorre associarsi seguendo le istruzioni e compilando la domanda iscrizione. Agli Associati sono riservati ogni mese gli opuscoli inediti sull'attività professionale, le convenzioni e le agevolazioni sull'attività formativa. Le attività dell'Associazione sono destinate oltre che ai colleghi e colleghe geometri liberi professionisti, anche ai periti edili, agronomi, agrotecnici, geologi , architetti, ingegneri, e tecnici in genere, agli avvocati, notai, commercialisti, dipendenti pubblici, Collegi, Enti, Associazioni similari, che possono iscriversi all'Associazione, usufruendo gratuitamente di tutti i servizi, tramite il versamento annuale di una quota simbolica.

About the Author: